Cerca
venerdì 24 marzo 2017 ..:: Home ::.. Registrazione  Login

ORARI S. MESSE

nelle Parrocchie


 

CASALE SUL SILE

LUN - GIO Ore 18.30
MERCOLEDI' Ore 9.00
SABATO (prefestiva) Ore 18.30
DOMENICA Ore 8.00
da Ottobre Ore 9.30
  Ore 11.15
  Ore 18.30

GIOVEDI' DALLE 19.30 ALLE 22.30

ADORAZIONE EUCARISTICA

BONISIOLO

MARTEDI' (Santuario) Ore 18.30
VENERDI' (Santuario) Ore 18.30
DOMENICA Ore 10.00

LUGHIGNANO

LUN - GIO
Ore 8.00
SABATO (prefestiva) Ore 18.30
Orario estivo Ore 19.00
 DOMENICA Ore 9.30

http://www.parrocchiaussana.it/wp-content/uploads/2014/11/Logo-la-santa-sede.jpg

 

 

https://lh4.googleusercontent.com/-YZFPijYOT48/TuMxOD_AbfI/AAAAAAAAGoE/bzxG8jYn1mk/s382/logowebdiocesi.jpg

 

http://www.lavitadelpopolo.it/extension/opencontent/design/vitapopolo/images/logo.png

http://www.informazionesenzafiltro.it/wp-content/uploads/2015/07/social-media-580301_640.png

http://lnx.silvestromartino.com/16/images/quaresima.jpg

Per vivere insieme la QUARESIMA...

SCARICA IL VOLANTINO

http://www.sannicoladabarimentana.it/wp-content/uploads/2014/11/La_Bibbia_parola_di_Dio_parrocchia_san_nicola_da_bari_mod.jpg
Dal Vangelo di Matteo (17, 1-9)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo. Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Nelle Scritture, la montagna è sempre il luogo della rivelazione. Sono gli uomini come Mosè (Es 19) e Elia (1Re 19) che Dio incontra. Si racconta anche che il volto di Mosè venne trasfigurato da quell’incontro: “Quando Mosè scese dal monte Sinai - le due tavole della Testimonianza si trovavano nelle mani di Mosè mentre egli scendeva dal monte - non sapeva che la pelle del suo viso era diventata raggiante, poiché aveva conversato con il Signore” (Es 34,29). La magnificenza della rivelazione divina si comunica anche a coloro che la ricevono e diventano i mediatori della parola di Dio.
Gesù si mette a brillare come il sole sotto gli occhi di tre discepoli: questo lo individua come colui che è l’ultimo a rivelare Dio, come colui che oltrepassa tutti i suoi predecessori. Ciò è sottolineato ancor più dal fatto che Mosè ed Elia appaiono e si intrattengono con lui.
Essi rappresentano la legge e i profeti, cioè la rivelazione divina prima di Gesù. Gesù è l’ultima manifestazione di Dio. È quello che dimostra la nube luminosa - luogo della presenza divina (come in Es 19) - da dove una voce designa Gesù come il servitore regale di Dio (combinazione del salmo 2, 7 e di Isaia 42, 1). A ciò si aggiunge, in riferimento a Deuteronomio 18, 15, l’esortazione ad ascoltare Gesù, ad ascoltare soprattutto il suo insegnamento morale.

 

 

Un invito speciale dell'AC rivolto ai giovani ...

Clicca sull'immagine


Cammino Sinodale Diocesano

"Discepoli di Gesù per un nuovo stile di Chiesa"

 

Consiglio pastorale

PROSSIMO INCONTRO

 

in Casa del Giovane

__________________________________________

PRECEDENTI INCONTRI

Giovedì 16 febbraio 2017 - Verbale

Mercoledì 25 gennaio 2017 - Verbale

Mercoledì 16 novembre 2016- Verbale

 

Copyright (c) Parrocchia di Casale sul Sile e Bonisiolo   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation