Cerca
lunedì 8 febbraio 2016 ..:: Home ::.. Registrazione  Login

ORARI S. MESSE

nelle Parrocchie


 

CASALE SUL SILE

LUN - MAR - GIO Ore 18.30
MERCOLEDI' Ore 9.00
SABATO (prefestiva) Ore 18.30
DOMENICA Ore 8.00
da Ottobre Ore 9.30
  Ore 11.15
  Ore 18.30

GIOVEDI' DALLE 19.30 ALLE 22.30

ADORAZIONE EUCARISTICA

BONISIOLO

MERCOLEDI' (Santuario) Ore 18.30
VENERDI' (Santuario) Ore 18.30
DOMENICA Ore 10.00

LUGHIGNANO

LUN - VEN Ore 8.00
SABATO (prefestiva) Ore 18.00
DOMENICA Ore 9.00
  Ore 10.30

 

 

 

http://www.informazionesenzafiltro.it/wp-content/uploads/2015/07/social-media-580301_640.png
Dal Vangelo di Luca (5,1-11)

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca. Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.


Prima di essere la pietra su cui Cristo avrebbe fondato la sua Chiesa, Pietro-Simone è stato colui che ha percorso per intero il cammino pieno di passione impulsiva ed insieme di incertezze verso il suo Signore. Egli è stato in questo modo colui che ha percorso, prima di noi, l’itinerario che a ciascuno di noi è chiesto di percorrere.
Simone era un pescatore: ciascuno ha il suo lavoro e a ciascuno può capitare di faticare nel buio di tante notti e di non prendere nulla.
Ma interviene quella Presenza che chiede di lavorare sulla sua parola, cioè di vivere la propria esistenza all’interno di quell’avvenimento potente che è Cristo Signore e allora il nostro lavoro e la nostra esistenza trovano una fecondità mai prima conosciuta. In questo stesso momento ciascuno di noi percepisce la propria distanza da quell’abbraccio misericordioso ed insieme la propria estrema vicinanza.
Non saremo chiamati a fare altre cose, ma a farle per un altro scopo. Così Pietro continuerà ad essere pescatore, ma da allora in poi sarà pescatore di uomini.


DALL'ANGELUS DI PAPA FRANCESCO (10.01.2016)

Oggi, festa del Battesimo di Gesù, pensiamo al giorno del nostro Battesimo. Tutti noi siamo stati battezzati, ringraziamo per questo dono. E vi faccio una domanda: chi di voi conosce la data del suo Battesimo? Sicuramente non tutti. Perciò vi invito ad andare a cercare la data, chiedendo per esempio ai vostri genitori, ai vostri nonni, ai vostri padrini, o andando in parrocchia. E’ molto importante conoscerla, perché è una data da festeggiare: è la data della nostra rinascita come figli di Dio. Per questo, compito a casa per questa settimana: andare a cercare la data del mio Battesimo. Festeggiare quel giorno significa riaffermare la nostra adesione a Gesù, con l’impegno di vivere da cristiani, membri della Chiesa e di una umanità nuova, in cui tutti sono fratelli.


 

 

https://iscrizioni.chiesacattolica.it/giubileoragazzi/images/logo.png

 


Copyright (c) Parrocchia di Casale sul Sile e Bonisiolo   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2016 by DotNetNuke Corporation